Roma, 20/07/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Efficienza energetica nella pubblica amministrazione, le raccomandazioni Ue

11
Home > Policy > Policy Europa > Efficienza energetica nella pubblica amministrazione, le raccomandazioni Ue

Consumi, ristrutturazioni e appalti nel settore pubblico. Dalla Commissione Ue le indicazioni agli Stati membri. Entreranno in vigore l’11 ottobre 2025.

Scarica il documento

Appalti efficienti ed edifici a zero emissioni

Entro l’11 ottobre 2025 i 27 dovranno allinearsi agli articoli 5, 6, 7 e all’allegato IV della direttiva 2023/1791/Ue sull’efficienza energetica. Tali articoli riguardano il consumo di energia nel settore pubblico, la ristrutturazione degli edifici pubblici e gli appalti pubblici.

Le misure da adottare prevedono la riduzione del consumo di energia (art. 5) in termini di gestione dei rifiuti e trattamento delle acque reflue e delle acque bianche. La normativa prevede che i consumi energetici in questi tre ambiti diminuiscano dell’1,9% ogni anno, considerando il 2021 come anno di partenza.

L’art. 6 indica che almeno il 3% degli edifici pubblici ristrutturati in un anno sia un edificio a emissioni zero (o quasi), definendo che l’efficienza energetica debba essere messa “al primo posto” nella scala delle priorità.

L’art. 7 definisce l’obbligo di acquisto di prodotti, servizi, edifici e lavori ad alta efficienza energetica per gli appalti pubblici che superano le soglie delle direttive 2014/23/Ue, 2014/24/Ue e 2014/25/Ue.

Sancisce inoltre che tale regola si applica anche ai contratti pubblici di appalto e concessioni per i quali l’allegato IV della direttiva non prevede requisiti specifici.

La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

La raccomandazione Ue 2024/1716 della Commissione europea del 19 giugno 2024 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale Ue serie L del 28 giugno 2024.

Con tale pubblicazione gli Stati membri sono tenuti ad attuare tutte le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per rendere effettivi gli articoli 5, 6 e 7 e l’allegato IV entro l’11 ottobre 2025.

Adottata il 13 settembre 2023, la direttiva Ue 2023/1791 è la rifusione della direttiva Ue 2012/27. Rispetto a essa, introduce nuove disposizioni fondamentali per innalzare gli obiettivi in termini di efficienza energetica, nel settore pubblico.

Le linee guida Ue fanno parte del pacchetto di riforme Fit for 55 che prevede la riduzione delle emissioni di gas serra di almeno il 55% entro il 2030, rispetto al valore del 1990.

Articoli correlati