Roma, 19/07/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Fotovoltaico in affanno e confusione sull’eolico offshore. I dati dell’Osservatorio ANIE

11eolico offshore
Home > News > Eolico > Fotovoltaico in affanno e confusione sull’eolico offshore. I dati dell’Osservatorio ANIE

Fotovoltaico residenziale in calo, mercato idroelettrico fermo e sull’eolico offshore obiettivi divergenti tra PNIEC e DM FER 2. I dati forniti dall’Osservatorio Fer di ANIE Rinnovabili offrono un quadro non troppo felice della situazione in tema di rinnovabili made in Italy.

SCARICA IL REPORT

1.402 MW di energia rinnovabile

Il mercato delle rinnovabili in Italia è stabile, con una crescita moderata che si attesta sul 2%. Un dato non particolarmente entusiasmante, che potrebbe essere indicativo di alcune problematiche. A dirlo è l’ultimo Report dell’Osservatorio FER di ANIE Rinnovabili, secondo il quale nel primo trimestre 2024 sono state installate fonti rinnovabili per un totale di 1.402 MW: 1.297 MW per fotovoltaico, 102 MW per eolico, 3 MW per idroelettrico. Se nei prossimi mesi dovesse riconfermarsi questa tendenza, l’Italia installerebbe soltanto ulteriori 6 GW, in linea con le previsioni del recente DM Aree Idonee, ma non con i 10 GW/anno necessari a raggiungere gli obiettivi fissati dall’Agenda 2030.

Fotovoltaico

Quando si parla di nuove installazioni, il fotovoltaico si colloca al primo posto tra le rinnovabili, con quota 1.297 MW di potenza connessa nel primo trimestre Q1 2024 (+26% rispetto al primo trimestre Q1 2023). Complessivamente sono stati connessi alla rete 82.957 impianti. Anche a livello regionale si registra un trend positivo, malgrado il numero di impianti connessi risulti inferiore in diverse regioni, quali Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Toscana e Veneto. Qui la crescita è trainata dai segmenti commercial&industrial (+88%) e utility scale (+366%), mentre risulta in affanno il comparto residenziale, con una perdita del 15%.

Eolico

Per quel che concerne l’eolico, invece, nel primo trimestre 2024 sono stati installati 102 MW (+8% rispetto al Q1 2023) di nuova potenza, con il maggior contributo registrato in Campania, Liguria e Sicilia. Tuttavia, quello che emerge dai dati è che l’energia del vento viene sempre trainata dagli impianti utility scale, un ambito il cui andamento dipende inevitabilmente dallo stato di avanzamento degli iter autorizzativi. Secondo ANIE Rinnovabili, inoltre, vi sarebbe confusione circa la strategia adottata sull’eolico offshore: il DM FER 2 recentemente firmato, prevede 2,1 GW, mentre il PNIEC ne prevede 3,8 GW.

Idroelettrico

Il mercato dell’idroelettrico risulta completamente fermo, sia perché per questa tecnologia, oltre al parere autorizzativo, è necessario ottenere la concessione all’utilizzo della risorsa idrica, sia perché i requisiti da rispettare per l’ammissione alle tariffe incentivanti sono molto stringenti.  L’andamento, in calo, è pari a 3,1 MW di nuova potenza connessa (-68% rispetto al Q1 2023). Complessivamente sono entrati in esercizio solo 13 impianti, tutti di potenza inferiore ai 200 kW. Dal punto di vista regionale relativamente alla potenza installata, hanno registrato deboli trend positivi Liguria e Piemonte.

Articoli correlati