Roma, 19/07/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Produrre idrogeno verde con rifiuti agricoli ed energia solare, dagli Usa un nuovo studio

11
Home > News > Idrogeno > Produrre idrogeno verde con rifiuti agricoli ed energia solare, dagli Usa un nuovo studio

I ricercatori dell’Università dell’Illinois Chicago hanno sviluppato una metodologia innovativa per produrre idrogeno con biochar ed energia solare, riducendo del 600% l’energia necessaria. Con benefici in termini di accessibilità e di sostenibilità.

L’imperativo della transizione energetica

Mentre il mondo sta affrontando l’emergenza del cambiamento climatico, la transizione verso fonti energetiche sostenibili rappresenta un imperativo. Il ruolo dell’idrogeno verde in un futuro a zero emissioni passa (anche) per studi come quello condotto dagli ingegneri dell’Università dell’Illinois a Chicago, che hanno sviluppato una metodologia innovativa volta a produrre idrogeno verde con biochar.

Dall’aspetto simile al carbone, le proprietà del “carbone vegetale” sono determinate sia dalla natura della materia prima – dai residui colturali al legname di scarto (a questo proposito, Alléo Energy, fornitore di impianti di energia pulita negli Stati Uniti specializzato nella conversione di rifiuti in prodotti di alto valore e 100% rinnovabili, ha prodotto uno dei primi impianti commerciali di diesel basato sulla lavorazione degli scarti del legno), dalle biomasse di recupero agli scarti dell’industria agroalimentare – sia dalla durata e dalle temperature del processo di produzione.

Diminuire le emissioni di gas serra fino a zero

All’atto pratico, il procedimento (che verte tutto sull’elettrolisi), i cui risultati sono presentati in un articolo pubblicato su Cell Reports Physical Science, permette di ricavare il prezioso gas dall’acqua ricorrendo all’energia solare e agli scarti agricoli. Un approccio che incrementa di sei volte la generazione del vettore, schiudendo le porte a nuove opportunità per una produzione sostenibile e a tutela del clima.

Utilizzando fonti di energia rinnovabile come l’energia solare e catturando i sottoprodotti, il processo descritto può diminuire le emissioni di gas a effetto serra fino a zero. Alla guida del team di ricerca – sponsorizzata dall’azienda biotecnologica Orochem Technologies, che ora ha depositato una domanda di brevetto – c’è l’ingegnere Meenesh Singh, che parla di “tecnologia trasformativa”. Mentre Rohit Singh Chauhan, coautore e ricercatore nel laboratorio, si esprime con i numeri: “Si tratta di un processo molto efficiente, con una conversione di circa il 35% del biochar e dell’energia solare in idrogeno”.

Idrogeno verde più accessibile dai rifiuti agricoli

Come spiega l’articolo pubblicato sul sito dell’ateneo statunitense (titolo: “New method makes hydrogen from solar power and agricultural waste”), l’esperimento condotto dagli ingegneri dell’Università dell’Illinois a Chicago ha visto utilizzare differenti tipi di biochar per produrre idrogeno verde: dagli scarti di canapa alle bucce di canna da zucchero al letame di mucca.

Tutte le varietà di rifiuti agricoli hanno ridotto, in maniera significativa, la potenza indispensabile per convertire l’acqua in idrogeno. In particolare, il letame bovino – che costituisce una risorsa davvero rilevante per produrre energia rinnovabile – ha mostrato il miglior rendimento, limitando il fabbisogno elettrico di sei volte fino a circa un quinto di volt.

Articoli correlati