Roma, 17/07/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Pompe di calore in Italia: calano le vendite del 34%

11
Home > News > Geotermico > Pompe di calore in Italia: calano le vendite del 34%

Secondo l’ultimo rapporto dell’European Heat Pump Association (EHPA), che ha raccolto i dati di 21 Paesi europei sullo sviluppo delle pompe di calore, nello Stivale sono calate le vendite del 34%. Leggi il report. 

Il report

L’ultimo report pubblicato dall’European Heat Pump Association (EHPA) esamina il mercato europeo delle pompe di calore. Mentre le vendite nel 2022 sono cresciute del 39%, con uno stock totale di 20 milioni, nei primi mesi del 2023 arriva un calo, differente da Paese a Paese.

I dati in Italia

In Italia, per esempio, si parla di un -34%. La ragione? Difficile rispondere a questa domanda, ma si potrebbe ricercare la risposta nel Superbonus deciso dal governo: la detrazione fiscale al 110% che ha reso i consumatori più fragili e insicuri.

Un risultato simile anche in altri Paesi europei, come la Finlandia, con una riduzione che lì ha sfiorato il 17%, mentre in Polonia solo il 6%

Il contributo e l’importanza delle pompe di calore

Secondo il rapporto dell’EHPA, sono 19,79 milioni le pompe di calore attualmente installate nell’Ue, che riscaldano e raffreddano circa il 16% degli edifici residenziali e commerciali, sostituendo circa 4 miliardi di metri cubi di gas naturale.

Il loro contributo è dunque importante nel raggiungimento degli obiettivi energetici e climatici dell’Europa, anche se la marcia indietro del primo semestre 2023 spaventa un pò. E se si trattasse solo di una risposta europea all’invasione russa in Ucraina?

Secondo un altro studio incentrato su questi prodotti, e condotto dal JRC della Commissione europea, la sostituzione di 30 milioni di caldaie individuali a combustibili fossili con queste macchine termiche, ridurrebbe il consumo di gas e petrolio del 36%.

L’Europa spera di arrivare a 60 milioni di pompe di calore entro il 2030. Ma per raggiungere queste somme, bisognerà spingere di più, e recuperare ciò che è stato perso.

Articoli correlati