Roma, 17/07/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Una banca europea per lo stoccaggio di energia elettrica. La proposta di Tauron e le raccomandazioni della Commissione UE

11Commissione Europea
Home > News > Elettrificazione > Una banca europea per lo stoccaggio di energia elettrica. La proposta di Tauron e le raccomandazioni della Commissione UE

L’Unione Europea sembra essere sempre più intenzionata ad investire nello stoccaggio di energia elettrica. A confermarlo la proposta di una “banca centrale per lo stoccaggio dell’energia”, arrivata dalla società elettrica polacca Tauron. L’idea arriva sulla scia delle raccomandazioni pubblicate dalla Commissione Europea, che  definiscono infrastrutture e sistemi di accumulo essenziali per la transizione energetica.

Le raccomandazioni della Commissione

Investire nello stoccaggio di energia elettrica mediante la creazione di una banca europea apposita. La proposta arriva dalla società elettrica polacca Tauron. L’idea di una banca per l’accumulo di energia a livello europeo però non è nuova, ed è perfettamente in linea con le raccomandazioni della Commissione Europea, che definiscono infrastrutture e sistemi di accumulo necessari per la transizione energetica.

La centralità dello stoccaggio per gli obiettivi europei

Il rapido passaggio ad un’economia basata su fonti alternative e le decisioni prese quest’anno dall’Unione in merito alla quota di energia rinnovabile da inserire nel mix energetico (42,5% entro il 2030), rappresentano sicuramente la leva che ha spinto la Commissione Europea a richiedere maggiore attenzione sul tema dell’immagazzinamento e del dispacciamento energetico. A differenza dei combustibili fossili, l’elettricità prodotta dall’energia eolica e solare è , infatti, intermittente. È proprio questa peculiarità a rendere essenziale la “conservazione” dell’elettricità rinnovabile. Solo la possibilità di attingere a delle riserve consente di rispondere ai modelli di consumo odierni. 

La Banca dell’idrogeno

Una banca centrale per lo stoccaggio di energia non sarebbe del tutto una novità nel panorama energetico dell’Unione. Un organismo simile, potrebbe essere considerata la banca dell’idrogeno, costituita nel marzo 2022. In questo caso però, si tratta di una riserva di 3 miliardi di euro per avviare una serie di progetti pilota per la produzione e l’utilizzo dell’idrogeno in Europa.

I dati relativi allo stoccaggio europeo di energia

Secondo i dati riportati dalla Commissione, attualmente l’Unione Europea raggiunge 9 GWh di energia elettrica stoccata, con 3,3 GWh distribuiti solo nel 2022.

Articoli correlati