Roma, 03/12/2023 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Batterie allo stato solido, il nuovo stabilimento americano di Factorial da 200 MWh

11
Home > News > Elettrificazione > Batterie allo stato solido, il nuovo stabilimento americano di Factorial da 200 MWh

La società americana Factorial inaugura un nuovo polo produttivo a Boston.

La linea produttiva più grande degli Usa

La fabbrica che sta per inaugurare Factorial, dedicata all’assemblaggio di batterie allo stato solido, sorgerà nei pressi di Boston, con l’ambizione di diventare la linea produttiva più grande degli Usa, con una capacità annua di 200 MWh.

La società ha una grande esperienza nella realizzazione di tali dispositivi, collaborando con alcuni dei marchi automobilistici più importanti a livello globale, come Hyundai, Mercedes-Benz e il gruppo italiano Stellantis.

I traguardi raggiunti

I traguardi raggiunti dall’azienda americana fino a oggi, sono già dei risultati importanti. L’ultimo prodotto che ha fatto il giro del mondo è una cella allo stato solido da 100 Ah costituta da litio metallico, allo scopo di realizzare delle batterie forti e resistenti.

Questi dispositivi sono stati testati in diversi modi e per diversi utilizzi, dimostrando alla fine di essere pronti sia per il trasporto via mare, che via terra.

Le celle allo stato solido: maggiore densità energetica e autonomia

In generale, tutte le celle allo stato solido, qualunque sia la loro formulazione, possono garantire dal 20% al 50% in più di autonomia rispetto ad altri tipi di prodotti, grazie soprattutto alla loro maggiore densità energetica

Inoltre, queste tecnologie, che utilizzano materiali solidi come elettroliti, sono meno pericolose, e offrono una più alta capacità di immagazzinare elettricità pulita.

Per tali ragioni, si tratta di un mercato sempre più in espansione, con diversi ricercatori che stanno studiando come poter utilizzare queste pile nel modo più efficiente, e realtà note, come Nissan o Toyota, che stanno testando le batterie sulle proprie auto.

Articoli correlati